Direttore Sanitario: Dott.ssa Antonella Paolucci

Orario apertura : Lun-Ven / 9:00-20:00
  Contatti : 0744.431025

Vulvoscopia

Che cos’è la vulvoscopia?
La vulvoscopia è un esame diagnostico ginecologico che viene eseguito con lo strumento del colposcopio e che serve a osservare i genitali esterni femminili – vulva e perineo – a più ingrandimenti.
Può essere una parte integrante della colposcopia, ma può essere anche eseguita da sola.

A che cosa serve la vulvoscopia?
La vulvoscopia serve a verificare l’eventuale presenza di infiammazioni, infezioni o processi degenerativi a carico degli organi genitali esterni femminili.
In genere viene disposta quando si è in presenza di sintomi come prurito o bruciore persistenti localizzati nella vulva, lesioni, ulcere, zone pigmentate e neoformazioni sui genitali esterni.

Come si svolge la vulvoscopia?
La vulvoscopia è un esame che viene eseguito a livello ambulatoriale, non è invasivo ed è del tutto indolore.
La paziente viene fatta accomodare sul lettino ginecologico così che il medico possa osservare con l’ausilio del colposcopio – strumento con cui si può raggiungere un ingrandimento pari a 40 volte la realtà – la mucosa vulvare per evidenziare eventuali lesioni non visibili a occhio nudo.
In particolare, la visita riguarda organi come l’imene, il clitoride, le grandi e le piccole labbra, il meato urinario, lo sboccho delle ghiandole vaginali e il perineo.

Quanto tempo dura la vulvoscopia?
L’esecuzione della vulvoscopia richiede un tempo di circa 30 minuti.

Norme di preparazione della vulvoscopia
In previsione dell’esecuzione di una vulvoscopia la paziente deve interrompere almeno 3-4 giorni prima l’applicazione di eventuali farmaci locali.
In ogni caso, è meglio comunicare al medico anche l’assunzione di farmaci, soprattutto se anticoagulanti o antiaggreganti, la presenza di eventuali reazioni di tipo allergico o la presenza di malattie cardiache.

La vulvoscopia ha controindicazioni?
La vulvoscopia non può essere effettuata nel periodo mestruale. È meglio comunicare la presenza di una gravidanza allo specialista ginecologo che esegue l’esame.