Direttore Sanitario: Dott.ssa Antonella Paolucci

Orario apertura : Lun-Ven / 9:00-20:00
  Contatti : 0744.431025

Sindrome da Conflitto Femoro-Acetabolare

  1. Di cosa si tratta?

La sindrome da conflitto Femoro-Acetabolare (FAI), conosciuto anche come “Sindrome da impingement Femoro Acetabolare”, è una condizione in cui esiste un contatto patologico tra testa del femore e ciglio acetabolare dovuta ad alterazioni anatomiche ossee a livello di questi due segmenti. Il contatto patologico riduce il normale arco di movimento e nel tempo potrebbe esitare in rotture del labbro acetabolare e lesione della cartilagine articolare (Osteoartrosi). Esistono 3 tipi di FAI: Pincer (Alterazione ossea a livello dell’acetabolo), CAM (Alterazione ossea a livello della testa femorale) ed impingement combinato.

  1. Come influenza la mia qualità di vita?

I principali sintomi del FAI sono il dolore, la rigidità nel movimento e la zoppia. Il dolore può manifestarsi in regione inguinale o in regione esterna o glutea. I movimenti che possono scatenare il dolore sono quelli di torsione, di rotazione, di inginocchiamento, durante la posizione seduta e nei movimenti di flessione dell’anca. Possono essere associati scrosci e blocchi articolari.

  1. Quali sono i possibili trattamenti conservativi?

Il cambio dello stile di vita, volto ad limitare se non abolire le attività quotidiane che peggiorano i sintomi, rappresenta il primo passo della terapia conservativa; essa sostanzialmente che ha i suoi cardini nella terapia medica con FANS e nella fisioterapia (Esercizi specifici migliorare i la mobilità e rinforzare i muscoli).

  1. È necessario l’intervento?

Il trattamento chirurgico è indicato in caso di danni articolari causati dal FAI e della non risoluzione del dolore dopo terapia conservativa. La grande maggioranza dei casi di conflitto può essere trattato con la chirurgia artroscopica. Con questa metodica, il chirurgo oltre a correggere il FAI (tagliando il bordo osseo dell’acetabolo e della testa femorale) può pulire o riparare qualsiasi danno alla labbro acetabolare o alla cartilagine articolare.